46 Jobs | 974661 Resumes

I migliori lavori del mondo

C’è una nuova tendenza nel recruitment. Combina la popolarità dei reality con i tradizionali colloqui di lavoro alla ricerca di un vincitore (il neoassunto). C’è competizione, divertimento e un fortunato con un nuovo lavoro. Il programma “L’Apprendista” è naturalmente il capofila, ma ogni tendenza esplorata da Alan Sugar, miliardario e pioniere, merita di essere guardata con sospetto. L’Apprendista è alla sesta stagione in Europa ed è esportato in tutta Europa, diventando uno dei format più famosi, ed imitati, di tutti i tempi.

La BBC ha recentemente trasmesso il programma The Best Job in the World. Tutto ruota attorno ad un annuncio di lavoro: passare sei mesi in un’isola deserta della barriera corallina per un salario di 70.000 sterline. L’annuncio, pubblicato a gennaio, ha ricevuto 34.000 risposte. 50 candidati finalisti sono stati intervistati in Australia, il tutto ripreso e mandato in onda dalla BBC.

Per la noiosissima Holly, una delle candidate, sarebbe stata un’esperienza di quelle che cambia la vita. Avrebbe passato il tempo a scrivere. La venticinquenne Sarah Louise, che millantava parentele regali, puntava molto sull’esibizione delle sue foto in bikini in Perù; tattica non molto ortodossa, ma efficace.

Il britannico Ben, 34 anni, ha girato il suo video-curriculum in Canada; era sempre in acqua, nuotando e facendo sub, quasi a voler fugare ogni dubbio sulle sue capacità natatorie (classico esempio di errata impostazione del colloquio). Precedente lavoro? Venditore di tappeti erbosi.

Non poteva mancare la porno star, Julia (russa), totalmente disorientata e fuori posto (forse non agli occhi di Ben).

Nella competizione ha un ruolo anche il proprietario dell’isola, Glen, per il quale è chiaro che “il miglior lavoro del mondo” è in realtà “il miglior lavoro da guardiano del mondo”, visto che è questa la job description che Glen ha in mente.

Ben cerca di ingraziarsi senza pudore il futuro datore di lavoro, e si giustifica: “non è che sono un leccaculo aziendale, voglio fare amicizia”. Ma Glen non fa parte della giuria, purtroppo per lui.

Chi ha architettato questo obbrobrio? E’ un’agenzia di pubblicità, fatta da giovani ancora accasati con mamma e papà, la quale promuove il turismo nel Queensland. Guarda caso, nessuno dei finalisti è sudamericano o mediorientale: troppo fuori dal target turistico della zona.

“Siamo tutte pedine del marketing”, ammette Ben.

Seguono test di nuoto, colloqui con psicologi e direttori marketing e test psicometrici (poco telegenici, a dire il vero).

Il tutto per cento milioni di dollari di budget pubblicitario.

ExecutiveSurf ha contattato Ben, il vincitore (ebbene sì, la strategia del leccaculo paga, soprattutto in tv). Ben è un esploratore dell’Hampshire, ha fatto la guida turistica in Africa e l’organizzatore di eventi caritatevoli. Vendere zolle non era proprio la sua unica esperienza. Si definisce dinamico e gran lavoratore, qualità che ci sembrano francamente sprecate nel nuovo posto di lavoro. Gli chiediamo come sta andando, e dice che passa il tempo facendo snorkeling, preparando barbecue per la fidanzata e scrivendo il suo blog. Siamo perplessi.

Nel frattempo, compare un altro annuncio sulla stampa britannica: cercasi strega. A quanto pare il paesino di Wookey Hole è rimasto senza la strega locale, che è andata in pensione. L’annuncio specifica che è necessaria una risata sinistra e l’assenza di allergia ai peli di gatto.

Rispondono in molte e il dato preoccupante è che spesso sono maestre disoccupate. Il tour di selezione è un concentrato di corvi, promesse di maledizione ai selezionatori e svariate pozioni magiche, due delle quali, purtroppo, a base di urina.

Sbaraglia tutte Carla Calamity, già agente immobiliare, per la quale si tratta di una naturale evoluzione della sua carriera.

Un consiglio da ExecutiveSurf: se volete, state pure all’erta per intercettare nuove idee di lavoro. Ma i più dovrebbero attenersi al percorso tradizionale e confidenziale nella ricerca di un posto. Nessuno dei concorrenti dell’Apprendista, per quanto ne sappiamo, ha mai conservato la dignità.

Leave a comment:

©2021 ExecutiveSurf | +44 2077291837 | Registered in England no. 1111 7389 - VAT. GB 291 0514 23